Nordest Caffè, all’Isola di Milano

A Milano c’è un quartiere che si chiama Isola, era un vecchio paesino un tempo. Quei tempi che fanno rima con “là dove c’era l’erba ora c’è una città”, per intendersi. L’Isola è un gran quartiere, negli anni ne ha viste molte. Dall’iniziale tremendo posto in cui c’era un po’ di tutto, ai primi tiepidi tentativi di riqualificazione, l’immancabile parabola bohémienne all’arrivo, infine, dei grossi capitali che in parte la modificheranno in peggio e in parte la lanceranno per sempre, oggi siamo a metà strada: di qua i grattacieli della “nuova city” in costruzione, di là le case di ringhiera che si rifanno il trucco. E in mezzo c’è il Nordest Caffè.

Il locale adiacente al famoso Blue Note di Milano è un ampio spazio con grandi tavoloni da condividere, un banco svelto e un’ottima selezione di dolci. Tra tutti ci ha fatto l’occhiolino il tavolo delle torte, ma siamo stati forti e abbiamo diretto lo sguardo altrove, sulle brioche.

Brioche che vorremmo sapeste essere buonissime. E siamo sicuri che l’ampia scelta vi farà tremare i polsi, se avrete l’accortezza di arrivare un po’ prima di noi. Resta che il nostro ritardo ci ha fatto incontrare vassoi semi vuoti, ma anche una tra le più buone creme di nocciola degli ultimi tempi. La colazione al Nordest Caffè è una grandissima colazione.

Appunti di viaggio: godetevela il sabato e la domenica, e portate i vostri bambini, se ne avete. Perché è un bel posto per fare colazione con i figli. E c’è un pianoforte e chiunque si può mettere lì e suonare.

Ecco, poi c’è la questione che al sabato, all’Isola, c’è il mercato. E che alle volte i bambini sono davvero tanti, quindi se abbiamo trovato, finalmente, un posto children-friendly di conseguenza va ricordato che gli adulti hanno un po’ meno spazio. Ma diciamo che se vogliamo parlare di un vero difetto restiamo concentrati sul mercato, là fuori. Che non c’entra niente.


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies