Siamo andati in uno splendido B&B vicino a Verona: Le Caldane

Siamo stati ospiti dell’Agriturismo Le Caldane che offre un servizio B&B di tutto rispetto.  La cornice è un incanto, il relax è garantito. La colazione, neanche a dirlo, è tutta home made, chiaramente super bio e anche un po’ IGP (come il buon vino della casa). Ma la sorpresa che non vi aspettate è la gestione della famiglia Jucker che, come il nome suggerisce, conferisce al servizio e ai sapori un taglio italo-teutonico insolito che ci sono piaciuti tantissimo.

Scegliere tra le dolci proposte della casa è stata un’impresa titanica. Potremmo elencarvi la torta alle nocciole, quella ai semi di papavero, torte di mele – sfornate in varie versioni – e dolcetti di cocco e cannella, ma semplicemente perché le varie dolcezze al cioccolato non ci stavano più nelle nostre pance. Se volete mimetizzarvi con i numerosi ospiti tedeschi e olandesi non dovete fare altro che optare per formaggi, uova e affettati misti – disponibili sempre e comunque – e, ovviamente, non dimenticate di tingervi i capelli con nuance biondo platino.

Insomma, qui non si limitano alle solite due proposte in croce che poi, con la scusa del tutto genuino, ci si deve accontentare. E noi, non certo famosi per essere accomodanti sull’argomento, apprezziamo l’impegno e pure l’ingegno delle solerti locandiere.

Se la stagione lo consente vi suggeriamo di far colazione in uno dei tanti tavolini all’aperto. Non rimpiangerete l’assenza del vostro barista di fiducia e del suo cappuccino: confezionatevi il vostro caffelatte, come abbiamo fatto noi, e tuffatevi nella natura. Qui anche il più classico pane, burro e marmellata è tutta un’altra storia.


Pin It
. 45 checkin in questo locale. U 0 persone presenti in questo momento
  • Riccardo P.
    20 euro per una magnata incredibile!!!
    Riccardo P. - 23/10/2011 - 14:10
powered by Foursquare

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies