Un altro Good Morning, quello in Corso Italia

Nonostante i grossi cartelli che riportano a lettere cubitali “PIZZA NO STOP” siano decisamente respingenti ci siamo fatti coraggio, e non ce ne siamo pentiti.

L’ambiente è dominato dalla parete di piastrelle bianchissime che fa da sfondo al bancone pasticceria-caffetteria-cassa, smorzate dal calore del legno chiaro scelto per l’arredo della sala. Ma ciò che veramente riscalda l’ambiente, il cuore e lo stomaco, sono le buonissime brioche!

Ce ne sono per tutti i gusti, una distesa di vaniglia, marmellata (2 gusti!), pistacchio, ricotta, tiramisù che  ti conquista e già dà un senso al fatto di essersi alzati all’alba anche il sabato mattina. Noi siamo andati sul tradizionale cornetto alla marmellata di albicocca, accompagnato da un caffè.

Il caffè è un buon caffè, molto dignitoso e che non ha nemmeno bisogno di una dose eccessiva di zucchero perché sia bevibile, ma la brioche! Ottima, croccantina il giusto fuori e morbida all’interno, farcita il giusto con una buona marmellata non troppo dolce, che si sposa bene con la pasta profumata e fragrante  che sarebbe già deliziosa di per sé. Noterete dalle foto che non siamo riusciti a trattenerci dal strapparle un cornino appena ce la siamo trovata davanti!

Il locale è molto spazioso e confortevole, con un buon assortimento di giornali e riviste, con ampie vetrate che danno luce a tutto l’ambiente, dettaglio ancora più apprezzabile adesso che andiamo verso mattine e colazioni assolate.

L’entusiasmo si perde un po’ quando parliamo del servizio, molto cortese ma decisamente troppo lento se consideriamo che alle otto e mezza del sabato mattina il locale è praticamente deserto.

Decisamente sconsigliato per una colazione al volo prima di correre in ufficio, ma se potete concedervi qualche minuto in più, ne vale sicuramente la pena!


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies