La pasticceria (quasi) per antonomasia: Cappello, in via Garzilli

Cappello a Palermo significa pasticceria. Può incontrare il vostro gusto o meno, in ogni caso sicuramente si tratta di prodotti artigianali freschi e di ottima fattura. Noi abbiamo visitato il punto di via Garzilli, a due passi da piazza Castelnuovo, in pieno centro. Qualche tavolino sul marciapiede, attorniato da piante, permette di godersi il tepore delle giornate più calde.

All’interno, il locale si presenta un po’ piccolino per poi sfociare in una sala da tè capiente al punto giusto. Arredamento a metà strada tra il minimalista e il lezioso, la sala è tuttavia accogliente. Il resto del locale, seppur come già detto piccino (giusto lo spazio per prendere un caffè in piedi e per passare), è molto luminoso e ben tenuto ma, soprattutto pieno zeppo di vetrine che mettono in bella mostra tutti i prodotti della pasticceria.

Si va dalla vetrina delle brioche e dei cornetti, a quella dei pezzi di rosticceria, passando per muffin e dolci tipici siciliani, senza dimenticare le specialità peculiari di Cappello, come la torta Volo e la Delizia ai pistacchi rigorosamente di Bronte. E di certo non si possono tralasciare né i cioccolatini e le praline, né i biscotti e le marmellate. Noi ci siamo limitati a prendere un cappuccino fatto davvero a regola d’arte e un tè che abbiamo potuto scegliere tra una grande varietà di miscele.

Menzione particolare va al cornetto ai cereali: burroso al punto giusto, con i cereali che si percepiscono croccanti al palato, viene cosparso sul momento da un ottimo miele liquido. Lo consigliamo leggermente scaldato. Il servizio è gentile, professionale e al tempo stesso alla mano, il conto nella media. Unico neo, se così si può dire, il servizio wi-fi che, a sentir loro, sarebbe offerto dal locale ma che non abbiamo mai trovato accessibile per problemi di linea.

Almeno così ci è stato detto!


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies