Una colazione eccellente grazie a un caso fortuito

Mettiamola così, che poi è esattamente come è andata: per sbrigare una commissione abbiamo dovuto imboccare l’uscita Pompei-Scafati della Napoli-Salerno e, incuriositi, abbiamo raggiunto il Centro commerciale di recente apertura, “La Cartiera”.

Qui, tra i bar “tipo” dei centri commerciali, anonimi e ordinari, abbiamo individuato il corner della caffetteria-pasticceria-gelateria De Vivo, attiva nella vicina Pompei dal 1955.

Si tratta di un esercizio di consolidata fama, con una produzione di pasticceria eccellente.

Per la colazione vi era un tributo alla pasticceria made in Usa con muffin, cupcake e cookie, che forse strizzava l’occhio alle recenti tendenze, ma forse neanche troppo, se si considera la cospicua e costante presenza di turisti stranieri a Pompei.

Noi, però, abbiamo preferito il settore relativo alla nostra tradizione: vasta la scelta tra brioche, brioche alla crema e amarena, brioche ai chicchi di cioccolato (pane ciock), brioche cosiddette siciliane (farcite con crema di ricotta aromatizzata al limone), brioche con ripieno di crema ricotta e pera, brioche di pasta sfoglia, crostatine alla marmellata e al cioccolato, sfogliatelle ricce e frolle, prussiane e graffe.

Tra tutte, ci ha colpito la Big brioche, servita a fette, anzi, fettone. Possibile guarnirla con crema pasticcera, panna o crema al cioccolato. Noi abbiamo preferito gustarla al naturale ed è stata un’esperienza che non dimenticheremo facilmente: la brioche, anzi la Big brioche, era mondiale!

Impasto leggerissimo con lievitazione da premio, gusto deciso e, con un rovesciato “in fundo dulcis”, un leggerissimo velo di miele spennellato in superficie, ad accogliere e catturare la generosa granella di zucchero. Ad accompagnare la Big brioche un buon caffè schiumato, arricchito dal decoro di un cameriere garbato. Insomma: una colazione eccellente grazie a un caso fortuito!

 


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies