Vanilla Bakery, un piccolo gioiello in zona Fiera

Succede che ogni tanto qualcuno ci consiglia sulla nostra pagina di Facebook – sapete che The Breakfast Review ha una pagina Facebook, vero?! – qualche bar da recensire. Noi prendiamo nota, perché ci piace scoprire nuovi posti, e appena possibile ci andiamo. E’ un po’ come quando stai guidando con i fari spenti di notte e qualcuno ti lampeggia per fartelo notare: è un gesto di solidarietà gratuita che ci fa pensare che il mondo tutto sommato sia un bel posto dove vivere.

Quando ci hanno consigliato di provare la colazione di Vanilla Bakery, quello che ci ha frenato dall’andarci di corsa è stato l’indirizzo: via San Siro. Senza nemmeno aprire Google maps abbiamo pensato che si trattasse della zona dello stadio, che è un po’ fuori mano e non ci capita così tanto spesso di passare da quelle parti.

Invece poi abbiamo scoperto casualmente che via San Siro non è nei pressi di San Siro, ma in zona Fiera, a un passo dalla fermata Buonarroti della metro rossa. Insomma, non avevamo più scuse.  E così siamo andati a fare colazione da Vanilla Bakery.

Che posto, ragazzi! Curato nei minimi dettagli, pieno zeppo di cupcakes, torte, cookies, cake pops e ogni altra prelibatezza che si possa trovare in una bakery dallo stile americano. Si rischia un attacco di iperglicemia semplicemente varcando la soglia. Pareti rosa, omini di pan di zenzero che sorridono dagli scaffali, marshmallows in bella vista: tutto contribuisce a rendere Vanilla Bakery il posto perfetto per una colazione con un’amica. Un fidanzato forse potrebbe mostrare segni di insofferenza a tutto quel rosa confetto, non prendetevela. Piuttosto, per convincerlo a restare, fategli dare un’occhio alla parte salata del menù (sandwich, bagel, hamburger): vedrete che se ne starà buonino.

Noi ci abbiamo messo un bel po’ a decidere cosa ordinare, ma provate a immedesimarvi un attimo: veniamo da una settimana di dieta, la bilancia ci ha appena detto che abbiamo perso un chilo e noi per festeggiare cosa abbiamo pensato di fare? La colazione da Vanilla Bakery, ovviamente. Geniale, proprio. Così siamo stati in bilico tra la tentazione di provare tutto e il desiderio di non vanificare gli sforzi fatti con la dieta. Alla fine abbiamo ordinato due mini cupcakes (red velvet e cioccolato e banana) e un tè verde, che dicono depuri, dreni, disintossichi. Pure a voi capita di ordinare un tè verde per sentirvi meno in colpa?

Ora, ve lo diciamo diretti, senza giri di parole: Vanilla Bakery è veramente un bel locale, ma i cupcakes non sono proprio super eccezionali. Insomma, ne abbiamo mangiati di migliori (per esempio qui e qui), ecco. Però fanno il loro lavoro: sono belli, di tanti gusti differenti e forniscono la giusta overdose di zuccheri.

La prossima volta – perché è ovvio che torneremo – assaggeremo una fetta di torta, o un pancake con lo sciroppo d’acero, o un waffle con la nutella. Oppure verremo per il brunch (che prevede anche un menù per i bambini).

Come dite? La dieta? Ecco, facciamo che la dieta può attendere.


Pin It
. 500 checkin in questo locale. U 0 persone presenti in questo momento
  • Serena Costante
    Dire pink è dire poco. Dire pieno da non saper dove girarsi anche. Piccolo negozio di cupcake. In una via tranquilla. Prima volta che vedo la fila fuori da un negozio così
    Serena Costante - 10/03/2013 - 17:03
  • Roberta F.
    Posto delizioso... Assolutamente da provare!
    Roberta F. - 13/01/2013 - 09:01
  • Stefania G.
    11,60 € per un tè,un maffin e una briosche mignon è davvero un furto.
    Stefania G. - 7/06/2013 - 09:06
  • Viviana L.
    Sempre meglio! Ogni volta è una sorpresa!
    Viviana L. - 19/05/2013 - 12:05
  • C G.
    Assolutamente da provare. Meraviglioso.
    C G. - 25/03/2013 - 08:03
powered by Foursquare

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies