La Boulangerie de Papa, una chicca nel centro di Parigi

Quando pensate a Parigi non venite subito travolti da un velo di romanticismo? Ma non è proprio romanticismo, è più un insieme di colori, profumi e immagini che fanno vedere tutto un po’ più rosa.

Parigi, oltre ad essere culla di nuove tendenze e locali alla moda, conserva quel fascino del passato. Piccoli negozi e boulangerie artigianali con vetrine colorate e uno stile quasi vintage, molto curato, assolutamente francese.

E così capita spesso di scovare delle vere chicche in giro. È il caso della Boulangerie de Papa. Abbiamo adocchiato questo posticino un pomeriggio tardi e non siamo stati contenti finché non siamo riusciti a farci colazione. Cercandolo di nuovo tra le piccole vie di Saint-Michel il giorno dopo, che poi è in un punto facilissimo da trovare, chissà cosa ci ha preso. Ci ha colpito subito per la porta azzurra, il profumo di croissant, il latte e miele tra le bevande calde. Una cosa che sa infinitamente di altri tempi.

A parte che la quantità di prelibatezze nelle vetrine faceva venire voglia di tuffarsi dentro, l’offerta per la colazione è molto economica. Ci sono diverse formule a prezzo fisso, c’è persino la formula per due. La base comprende una bevanda calda, una spremuta e un croissant o pain au chocolat a scelta. Dire buoni è riduttivo, sembra quasi di mangiare il vero croissant per la prima volta. La sfoglia fa crik-crok e in un attimo siamo stati avvolti da un boccone burroso. Ci ispirava, ma non pensavamo potesse essere fatto così a regola d’arte.

La sorpresa migliore è stato il caffè, molto lungo, con latte. L’abbiamo affrontato con paura ma ci siamo dovuti ricredere, certo non è l’espresso, ma bravi.

Vi fanno un sacchettino take away, quindi potete scegliere voi tra i tavolini esterni e una passeggiata con vista su Notre Dame. La cosa certa è che all’uscita viene voglia di cantare in francese, anche se non lo sapete.


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies