A colazione da De Simone, ribaltiamo un luogo comune

Permetteteci di spezzare una valanga di lance a favore dei “bar edicola tabacchi”, o meglio di un preciso bar edicola tabacchi: il bar De Simone di  Seiano, frazione di Vico Equense.

Solitamente questi bar rappresentano luoghi da sosta di servizio per l’accanito fumatore, con caffetteria e produzioni dolciarie – nella migliore delle situazioni – a malapena ordinarie. Di solito, ma se andate al bar De Simone cambierete idea.

Alcune condizioni sono confermate: locale non bellissimo; andirivieni per e dalla toilette; meritevole di attenzione il vastissimo assortimento di quotidiani e riviste funzionalmente sistemati in spazi piuttosto  ridotti; per noi non fumatori di scarsissimo interesse la medesima ricchezza di tipologie della zona tabacchi; infine valanghe di caramelle, chewingum, cioccolata e biscotti. Sin qui è routine. Quando però ci avviciniamo al banco caffetteria e alla vetrina dei prodotti dolciari la musica cambia.

Abbiamo gustato un ottimo caffè schiumato: notevole la miscela, superlativa la schiuma, leggera ma consistente, e un buonissimo latte macchiato: temperatura ideale e perfetto mix di sapori tra quello del latte e quello del caffè che macchia. Il delirio però è venuto con i prodotti da forno: nell’accattivante vastità dell’offerta – che apre anche alla pasticceria siciliana – la scelta è caduta sui meravigliosi, ineguagliabili pasticciotti mignon alla pasta di mandorle e amarena.

Come descriverli rendendogli il giusto onore? Partiamo dalla pasta frolla: saporita ma leggera e friabile; puntiamo poi dritti al cuore: un velo di pasta di mandorla, umida e odorosa, avvolge l’amarena sciroppata. Che dire? E’ stata un’esperienza entusiasmante. Menzione speciale per la cordialità dei proprietari e la premurosa professionalità dei baristi. Impossibile da dimenticare.


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies