La lussuosa ma insoddisfacente colazione al New York Café di Budapest

No tesoro, no, non ci facciamo abbindolare dagli stucchi rinascimentali in oro e dai marmi pregiati, ‘spetta che te lo ridiciamo per bene: no.

Budapest è una città che ti abitua in fretta alle ripide discese, non c’è un momento nella giornata in cui non ci si trovi a pensare quanto è bella e quanto è un delirio, insieme. Il New York Palace and Café, comprato per intero dall’Hotel Boscolo, non è da meno. Appena entrati ci manca il fiato, poi cominciano le sciatterie che una colazione con quel prezzo non può permettersi.

Location, quindi, davvero lussuosa, il New York Café è un palazzo di fine ottocento pensato e progettato per diventare il più bel caffè del mondo: non abbiamo dubbi che se non resti proprio il primo in assoluto, siamo decisamente tra i primi dieci.

I nodi vengono al pettine con la colazione, quel momento in cui “spremuta d’arancia” si trasforma in succo al sapore d’arancia in bottiglietta; il caffè arriva freddo, la selezione di dolci è un po’ misera e “stanca” (no: non stiamo dicendo possa, ma vorremmo tanto dire possa/vecchia); i french toast fanno paura a guardarli e poi ci sono le marmellate, ce ne portano sette e sono sigillate. Ed è quel momento in cui valuti (un pochino) se è vero che stiamo parlando di lusso. Il lusso, di mestiere, fa una cosa sola: non risparmia. Non è il suo obbiettivo, ne ha altri. Quando infatti vengono servite le marmellate poche o tante che siano, sono solitamente versate in piattini o simili, il motivo è perché così facendo si possano riutilizzare o comunque servire nuovamente senza far vedere la confezione aperta precedentemente. Te ne portano 7 (piccole eh, per carità, però sette) sigillate. Eh, non male no? No.

Ad una più attenta analisi le confetture in questione sono due: una alle albicocche -due confezioni- una alle prugne -cinque confezioni. Il candidato descriva il calcolo delle probabilità che vengano aperte tutte.

No, Boscolo, non ci siamo. Hai comprato il New York Café, sì? E adesso te lo smazzi. Adesso gli dai un tono, per piacere. adesso noi veniamo lì e spendiamo circa 12 volte quel che si spende per fare una colazione a Budapest e tu ci tratti da imperatori (che poi gli imperatori erano gli altri, e un po’ si vede: Austro-ungarico, con l’accento sulla Austro).

Non bastano due specchietti e quattro dollari per comprare New York, nel 2015. Ottima la scenografia, bravi, bis. Però manca un po’ la ciccia.


Pin It
. 10180 checkin in questo locale. U 0 persone presenti in questo momento
  • Nikolai Romanov
    Beautiful - yes! Pricey - yes! Lack of atmosphere - yes! Too ordinary food - yes! Is it worth having breakfast here? - no! Just coffee and pastry? - yes!
    Nikolai Romanov - 5/05/2013 - 08:05
  • Bruno Cordero
    Amazing place!!! If you go to Budapest, you have to visit it!
    Bruno Cordero - 4/12/2011 - 17:12
  • Nostaljik Kedi
    Excellent cafe, excellent cakes and Cappuccino! You should try "NewYork Chocolate Cake" and "Cheesecake" >^.^<
    Nostaljik Kedi - 21/04/2013 - 11:04
  • Melinda Miklós
    the most beautiful cafe in the world. officially;) try their cakes
    Melinda Miklós - 12/05/2012 - 08:05
  • Nastya Morgun
    Великолепное место! Царский интерьер! Обходительный персонал! Потрясающая живая музыка! Порции очень большие)сытно и вкусно! Замечательно провели время! Спасибо!!!
    Nastya Morgun - 23/05/2013 - 10:05
powered by Foursquare

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies