La toasteria Mi Casa ha una nuova “casa”

Nuova sede, nuovo motivo per andare a provare i toast della toasteria Mi Casa di Milano. Se il vecchio locale ci era piaciuto molto, quello nuovo ci ha stregato.

La toasteria è un posto curato nei minimi dettagli, con un menù che vi costringerà a chiedere al cameriere di pazientare ancora un pochino, ché non siete ancora pronti per l’ordinazione. Toast dolci e salati, croissant da farcire con creme o marmellate bio, muffin, pane in cassetta da spalmare: non vi viene già l’acquolina in bocca?

L’orario di apertura (dalle 7 a mezzanotte nei giorni lavorativi e dalle 9 a mezzanotte nel weekend) rende questo locale l’ideale per noi amanti della colazione, che qui possiamo contare su un buon cappuccino (anche in versione “tazzona”) e un croissant a tutte le ore del giorno.

Il menù si presta perfettamente anche al brunch della domenica, quando ancora assonnati non sapete se avete fame di dolce o salato: qui potete mischiare un po’ tutto, ordinando per esempio un toast alle verdure grigliate accompagnato da un english breakfast o un toast alla nutella con una birra. L’unica regola qui è: goditela.

Oltre ai toast, ci piace un sacco l’attenzione al cliente che mostrano qui: piccole cose, eh, ma a volte basta davvero poco e ci stupiamo sempre quando i locali non lo capiscono. Alla toasteria i toast sono giganti, ma la lista di farciture è così lunga che viene sempre voglia di prenderne un altro. Solo che spesso non ce la si fa a finirlo, allora quelli della toasteria hanno inventato la formula “uno e mezzo”: se ordini un toast, dopo puoi ordinarne un altro a metà. Geniale e semplice, no?

Per non parlare dei giornali e dei libri a disposizione, o della toilette con tanto di fasciatoio per i bimbi e spazzolini e dentifricio per i clienti. Non ci credete? Andate a verificare di persona.


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies