Nhero e il mistero del posto perfetto che però non funziona

Se uno ci pensa, c’è il rischio che diventi matto: com’è che si fa a scegliere una casa? Una casa in cui vivere, intendiamo. Va bene che niente è per sempre, figuriamoci una casa, però insomma vista la fatica di un trasloco uno vorrebbe trovare un appartamento in cui stare almeno per qualche anno. Uno di quelli che quando metti giù l’ultimo scatolone, con la schiena a pezzi ti rialzi e pensi “sono a casa”. Ma trovarla non è mica semplice, perché ci sono tantissimi – troppi – parametri da valutare. E ai parametri oggettivi si aggiunge la variabile impazzita dell’innamoramento, che in genere fa saltare tutti i conti.

Cercare il posto giusto per la colazione non è poi così diverso dal cercare una casa: valuti la zona, l’esposizione, la freschezza delle brioche, il piano, la schiuma del cappuccino, lo stato dei pavimenti, la presenza di giornali e wifi, la presenza dei doppi vetri, la cortesia del barista, la presenza dell’ascensore, la varietà dei dolci in vetrina. I più pignoli fanno addirittura un foglio excel e danno un voto a ogni parametro. Ma non comprano mai la casa che ha il voto più alto, perché quasi sempre intanto si sono innamorati di un loft al piano terra o di una mansarda senza ascensore.

Succede così anche per le colazioni: Nhero, per esempio, è un bar che nel foglio excel avrebbe ottimi voti: grande assortimento di brioche, spazio esterno, dehor, giornali, barista gentile, molta luce, metropolitana vicinissima, addirittura un latte macchiato del colore giusto. Eppure lo sapete fin dalla prima volta che ci entrate che non diventerà il vostro bar. Sapete che non è qui che porterete i vostri scatoloni e che direte “sono a casa”.


Pin It

Perché questo sito funzioni, e perché funzioni bene, ma soprattutto perché vi piaccia, utilizziamo i cookies, come del resto ogni altro sito al mondo. Purtroppo chi si occupa di privacy non ha la più vaga idea di cosa faccia e ci costringe a notificarvi una pagina che vi dice cosa ne facciamo dei vostri dati. Che poi vorremmo farveli leggere per vedere se vi riconoscete.
Ecco qui (leggetele) le nostre linee guida sui cookies